Il mio spazio qui vuole essere senza pretese, un angolo di mondo virtuale dove chi vuole possa lasciare istruzioni sull'uso di questa , grande , meravigliosa e stranissima cosa che è la vita ....il titolo e l'idea mi sono stati ispirati da una carissima amica ...

lunedì 29 settembre 2008

Un giorno credi .... e ci sono giorni in cui ...

Non vorrei nemmeno lasciare il letto , ma non perchè abbia sonno o sia stanco ...no ...solo per lo schifamento di dover affrontare certe situazioni che come cantava Bennato " stancamente ..si ripetono senza fine " .
"Fatti forza e vai incontro al tuo giorno " e la forza a me salvo in rarissimi momenti , e in quei momenti guarda caso c'era di mezzo il cuore ( non il muscolo ) ,non è mai mancata . Ma sarà l'età , sarà la stagione ( lo scorso anno di questo periodo ho scritto più o meno le stesse cose ) ma oggi davvero vorrei essere un altro , vivere un'altra vita , magari nella mia amata Irlanda che non vedo ormai da quasi un anno ...l'unica cosa che non cambierei i miei figli ..due splendidi furetti . Il solo pensare a loro , al fatto che esistano , mi risolleva da tutto ... però poi il mio pensiero si rattrista di nuovo, penso a cosa lascerò loro , cosa lascerà la nostra generazione a chi oggi è bambino come loro.
Meglio non pensarci , non pensare a tutte le storture che questa società ogni giorno ci propina . Un mio amico dice sempre che purtroppo non possiamo farci niente che il bene e il male saranno in perenne lotta e che da sempre è così e che sempre sarà così... è la storia dell'uomo . Come dargli torto ? Oggi sentiamo e vediamo subito le nefandezze del genere umano , internet , la televisone , i giornali ..... un tempo no ... solo 50 anni fa certe notizie non trapelavano non facevano il giro del mondo ma non per quello i fatti non accadevano....
E così ...pensieroso e pessimista mi accingo a iniziare questa giornata ....perchè i fondo come cantava ancora Bennato " Un giorno credi di essere giusto
E di essere un grande uomo In un altro ti svegli e devi Cominciare da zero"

Slaintè

giovedì 25 settembre 2008

Un pò di lingua locale

Davide Van De Sfroos ... cantautore comasco che scrive e canta in laghèe , la lingua del Lago di Como ...

La Ballata del Genesio è stupenda ...una canzone nella quale è condensata la vita di un uomo ...
Senza fare i soliti e irriverenti paragoni , che poi non aggiungono nulla alla grandezza di un artista , questi versi richiamano molto le ballate De Andreiane ... Andrea , Il Pescatore la stessa Bocca di Rosa ... c'è la stessa capacità di "far immaginare" di "far sentire" l'anima del personaggio descritto ....
"quaant el diàvul el pìca el ciàpa la mira… "

Dall'album " Breva e Tivan"(1999), La Bàlada del Genesio - Davide Van De Sfroos

Se ciàmi Genesio o ho faa un pò tütt
puèta, spazzèn, astronauta e magütt
ho pirla per el muund fino all’ultimo chilometro
innàanz e indree cumè el mercurio nel termometro…

Sun naa in söe la löena dumà cun’t i öcc
ho sparaa cuntra el teemp e ho desfàa i urelòcc
ho pregà mìla voolt senza nà giò in genöcc
ho giraa cun’t el smoking e a pee biùtt piee de piöcc…

M’è tucaa imparà che la röeda la gira
che ogni tant se stravacca el büceer de la bìra
tra furtöena e scarogna gh’è una corda che tira
quaand che el diàvul el pìca el ciàpa la mira…

Sun staa l’incüdin e quai volta el martèll
ho dato retta al cuore e quai volta a l’üsèll
nel böcc de la chitàra ho scondüü questa vita
sia i pàgin in rùss che quii scrivüü a matita…

El curtèll in una man e nell’oltra un màzz de fiuu
perché l’amuur e la moort i henn sempre lè scundüü
ogni dè nàvi via cun un basèn o una pesciàda
cul destèn de dree di spàll per mulàmm ‘na bastonàda

E de ogni mia dona se regòrdi el surìis
anca se cun nissöena sun rüvaa ai benììs
tanti donn che in sacòcia gh’eren scià el paradisi
insèma al rusètt hann lassa i cicatriis…

Scapàvi e inseguivi senza mai ciapà fiaa
curiàndul nel veent…fiuu senza un praa
una trottùla mata sempre in gir senza sosta
un boomerang ciùcch senza mai una risposta…

Zìngher e sciuur sempre söel mè binari
suta un’alba e un tramuunt püssèe rùss del Campàri
ma i ricordi i hènn smagg e me spècia el dumànn
el me spècia incazzàa cun scià i buumb a màn…

Sigarètt senza nomm e büceer senza storia
hann faa i ghirigori nella mia strana memoria
tatüagg invisìbil che me càgnen de nòcc
e una vita tiràda cumè un nastru de scotch…

La mia ciciaràda làssa el teemp che la tröeva
vardi el cieel de nuvembra cun la sua löena nöeva
sun el Genesio e questu l’è tütt…
cun qualsiasi vestii, suta…sun biùtt…

Traduzione per i NON nordici :-)

La ballata del Genesio

Mi chiamo Genesio e ho fatto un po’ di tutto
Poeta, spazzino, astronauta e muratore
ho girato per il mondo fino all’ultimo chilometro
avanti e indietro come il mercurio nel termometro.

Sono andato sulla luna soltanto con gli occhi
ho sparato al tempo e ho spaccato gli orologi
ho pregato mille volte senza finire in ginocchio
ho girato con lo smoking e a piedi nudi pieno di pidocchi..

Ho dovuto imparare che la ruota gira
che ogni tanto si rovescia il boccale della birra
tra fortuna e sfiga c’è una corda che tira
e che quando il diavolo colpisce prende la mira…

Sono stato l’incudine e qualche volta il martello
ho dato retta al cuore e qualche volta all’uccello
nel buco della chitarra ho nascosto questa vita
sia le pagine in rosso che quelle scritte a matita

Il coltello in una mano e nell’altra un mazzo di fiori
perché l’amore e la morte sono sempre nascoste
ogni giorno andavo via con un bacio e una pedata
col destino dietro le spalle pronto a darmi una bastonata.

E di ogni mia donna ricordo il sorriso
anche se con nessuna sono arrivato ai confetti
Tante donne che in tasca avevano già il paradiso
insieme al rossetto hanno lasciato cicatrici

Scappavo e inseguivo senza mai prendere fiato
Coriandolo nel vento… fiore senza un prato
Una trottola matta sempre in giro senza sosta
Un boomerang ubriaco senza mai una risposta

Zingaro e signore sempre sul mio binario
sotto un alba e un tramonto più rossi del Campari
ma i ricordi son macchie e mi aspetta il domani
mi aspetta incazzato con delle bombe a mano ...

Sigarette senza nome e bicchieri senza storia
hanno fatto ghirigori nella mia strana memoria
Tatuaggi invisibili mi tormentano di notte
E una vita tirata come il nastro dello scotch

La mia chiacchierata lascia il tempo che trova
Guardo il cielo di novembre con la sua luna nuova
Sono il Genesio e questo e tutto
Con qualunque vestito sotto sono nudo

Rossocrociati

Martedì sono stato in Svizzera , Sion , per la precisione , cantone Vallese .
Da tempo , due miei clienti , marito e moglie , nonchè miei locatari e vicini saltuari , nel senso che scendono raramente dalla Svizzera alla pianura padana ( ora che ho visto dove vivono capisco anche il perchè )mi chiedevano di passare da loro per un misto di visita cortese-professionale.
Quest'estate ci sono andato vicino un paio di volte ad andarci in moto ma poi per un motivo o per l'altro ho sempre dovuto rinunciare.
Martedì convinto il mio socio , che purtroppo invece non ne ha voluto sapere di andarci in moto , siamo partiti .
Partiti per modo di dire perchè dopo 4 km eravamo già in coda al casello di Capriate , così dopo averlo convinto delle mie capacità di navigatore senza satellite , l'ho dirottato , guidava lui ahimè , su strade statali provinciali comunali e interpoderali riuscendo al fine a riprendere l'autostrada in quel di Saronno ....
Poi Gravellona , la Val D'Ossola , lo splendido passo del Sempione poi giù nel Vallese percorso dal Rodano e baciato dal sole . Non è una battuta , veramente il Vallese è la parte della svizzera che più gode del sole e lo si vede anche dalle innumerevoli vigne poste sulle pendici . Sicuramente questo è dovuto al fatto che a differenza della maggior parte delle vallate svizzere oltre ad essere piuttosto ampia è disposta orizzontalmente da est a ovest .
La differenza tra Italia e Svizzera appare subito abissale .... per chi guida ancor di più , le auto rispettano rigorosamente i limiti di velocità , le indicazioni di sosta e di transito .... I paesi sembrano una sorta di plastico animato dove tutto è pulito ordinato e viaggia alla stessa velocità.
Sion ha poco meno di 30.000 abitanti .... non si notano.... e non si sentono :-).
Nessun clacson nessuno scooter trombeggiante ...
I miei clienti ,75 anni e passa lui , 60 e qualcosa lei , sono due persone splendide , fidanzatini di Peynet invecchiati .... stare con loro è amabilissimo e vivono in un luogo incantevole : uno Chalet in legno a 1080 mt di quota a mezza montagna da dove si domina Sion e la valle.

Il tempo è trascorso velocemente come spesso accade quando si sta bene e verso sera ci hanno accompagnato giù in città per fare quattro acquisti...
Ho preso della cioccolata ( ovvio ) per i miei bimbi .... il market Coop appariva come una gioielleria ...addirittura comode poltroncine , disseminate qua è la tra le corsie ... e poi il silenzio.... la calma ...l'ordine ....alle casse tutti rigorosamente in coda ...quasi nessuno con il carrello ... insomma se fosse così il Gs vicino a me ci andrei ogni giorno in pausa pranzo !!!!!!!!
Uscendo mi sono avvicinato alle strisce pedonali ...immediatamente un'auto che stava sopraggiungendo si è fermata e per farla ripartire ho dovuto fare un cenno con la mano per rassicurare il guidatore che non avrei attraversato....
Non vorrei essere svizzero , ma una volta di più vedendo tanta civile convivenza rimpiango di essere italiano.

sabato 20 settembre 2008

Carried Away

Era il 1977 , avevo 16 anni quando ascoltai questo brano di CSN&Y , per i giovanissimi Crosby Still Nash e Young , e la melodia mi prese il cuore ..... e non lo lasciò mai.

Carried Away

You came from out of the skies
Your skin and your eyes
The colours of bronze
The moon in your ear
Twinkled and shine
Soon you'll be gone

Sailing out on the blue
Your old man and you
Drifting along
Leaving me here
Thinking it through
Soon you'll be gone

Moving through my changes as fast as I can
Trying to bring a balance to me and the man
Part of me is screaming to say
I want to be carried away


Moving through my changes as fast as I can
Trying to bring a balance to me and the man
Part of me is screaming to say
I want to be carried away

From out of the skies
Your skin and your eyes
The colours of bronze
The moon in your ear
Twinkled and shone
Soon you'll be gone


Portato Via

Sei uscita dal cielo
la tua pelle e i tuoi occhi
color bronzo
la luna scintilla e splende
nel tuo orecchio.
Presto te ne andrai ..

Navigando lungo la deriva
fuori nel blu
tu e il tuo vecchio uomo
mi lascerete qui solo
attraversato dal pensiero di questo
Presto te ne andrai....

Muovendomi più velocemente possibile
tra i miei cambiamenti
cercando di trovare un equilibrio
tra me e l'uomo
una parte di me sta urlando
che vorrei essere portato via

Sei uscita dal cielo
la tua pelle e i tuoi occhi
i colori del bronzo
la luna scintilla e splende
nel tuo orecchio.
Presto te ne andrai ..

La nostalgia ...

"Nostalgia , nostalgia canaglia ...." cantava la coppia della canzone italiana più famosa e bistrattata ....
Nostalgia .... quella cosa che ti prende e non sai perchè ...magari ti svegli e il giorno prima eri al top , felice , raggiante senza problemi e poi..... basta un niente ....il tempo , il profumo della colazione , una indumento , una melodia , persino il calore dell'acqua della doccia ....ed ecco che lei compare ...si insinua nel nostro animo come la nebbia tra le valli in autunno. Improvvisamente l'umore cambia , la giornata cambia .... si è trasportati in un altra dimensione.
Il più delle volte la nostalgia è ricordo ....è rimpianto....è tempo sfuggito.... ma a me capita di provare nostalgia del futuro.
Si perchè spesso mi assale la nostalgia per quello che sicuramente non risucirò a vivere e che nel mio animo desidero ardentemente vivere .... il mio inconscio già ha vissuto quel che ancora non è arrivato e mai arriverà e mi trasmette senzazioni nostalgiche ....
Merda quanto mi sono incasinato ! Va bè spero si sia capito ...al di là di quanto possa provare io la nostalgia è anche una specie di stimolo a non fermarsi a cercare di ricostruire le condizioni che ci portarono a vivere certi momenti ...o a ricostruirne altri simili ...

Intanto siamo a fine settembre .... " seduto in quel caffè io non pensavo a teeeeeeeeeee "

cambio musica ... ovviamente nostalgica :-)

Slán abhaile

venerdì 12 settembre 2008

Mia cara Mariastella Gelmini

Premetto di non essere un tifoso politico , nel senso che non sono uno di quelli che approva tutto quello che la sua parte politica fa e disapprova tutto quello che fanno gli altri anche perchè non ho una parte politica .
La Mariastella Gelmini , fresco Ministro della Pubblica Istruzione , in questi mesi ha promosso o ipotizzato alcuni provvedimenti che spesso mi hanno trovato daccordo.
Tra questi la festa di inaugurazione dell'anno scolastico .
Ricordo ancora quelle al Collegio Sant'Antonio di Busnago (MI) negli anni 70....
Ora però cara la mia Ministra lei non ha tenuto conto di una cosa ....siamo in Italia.
Pochi minuti fa ho assistito all'inaugurazione dell'anno scolastico della scuola elementare di mio figlio , per lui doppio evento dato che è un primino .
Il tempo ci ha messo del suo , piovigginava e la cosa ha scombussolato tutti i piani delle solerti insegnanti ( a proposito come mai non ci sono più i maestri maschi ? )....avevano previsto la kermesse nel cortile e nel prato antistante la scuola .... rien de fair ...tutti dentro . In una atrio centinaia tra genitori alunni e docenti ( ora si fanno chiamare così anche i maestri, era cosi bello il termine maestro , "maestro di vita" ....non mi risulti si possa dire "docente di vita" ) stipati in una calura inverosimile .... microfoni gracchianti .... effetti larsen a più non posso ...eco ...
Microfono al Sindaco ( donna pure lei ;-) ) e giù retorica ...alla Preside , che stucchevolmente non ha potuto fare a meno di leggere il solito finto "tema di un bambino di terza elementare " solo per trovare il modo commentando la frase inventata di codesto ipotetico bambino " mi piace andare a scuola [.....] mi piacerebbe fermarmi anche a dormire ( !!!!!!!!!!) " di attaccare la Ministra dicendo " non è detto che a noi docenti tocchi di dormire qui prima o poi "
Ecca là ci ha messo la politica anche oggi ;-)
Poi vedendo che il sole tornava a far capolino tra le nuvole tutti fuori in cortile ...schierati per il gran finale.
Microfono posizionato davanti a un mangianastri che gracchiava l'Inno di Mameli , fogli con il testo in mano ai bambini che cantavano e passaggio della bandiera tra le varie classi fino a farla giungere tra le mani della Sindachessa che sopra i gradini la sventolava fino al termine dell'Inno ( lo hanno cantato tutto !!!!!!!!!!!!! sigh....)
In un film di Fantozzi non si sarebbe potuto vedere di meglio.
Cara Mariastella , potrei essere daccordo con tutte le sue innovazioni ( che poi sono ritorni al passato , un passato senz'altro più educativo ) ma prima di tutto la Scuola italiana va dotata di mezzi e strutture senza quelli ogni inaugurazione si trasforma in una farsa e in una parodia del sistema scuola ....
Senza considerare poi la'angoscia che mi ha trasmesso vedere e sentire bambini di 5-6 anni urlare a squarciagola " siam pronti alla morte l'Italia chiamò " ma vaffanculo và .....

sabato 6 settembre 2008

Stairway to Heaven

Se dovessi finire su un pianeta lontano e dovessi spiegare ad un alieno che cosa sia il ROCK lo farei facendogli ascoltare Stairway to Heaven.
Il testo è un miscuglio di citazioni di racconti Fantasy e negli anni 70 (uscì nel 71) alcuni accusarono Plant il cantante degli Zeppelin autore del testo , di satanismo , perchè il testo ascoltato al contrario in alcuni versi inneggerebbe a Satana ....boh
Io so solo che mi piace.

Stairway to Heaven

There's a lady who's sure all that glitters is gold
And she's buying a stairway to heaven
And when she gets there she knows if the stores are closed
With a word she can get what she came for

Woe oh oh oh oh oh
And she's buying a stairway to heaven

There's a sign on the wall but she wants to be sure
And you know sometimes words have two meanings
In a tree by the brook there's a songbird who sings
Sometimes all of our thoughts are misgiven

Woe oh oh oh oh oh
And she's buying a stairway to heaven

There's a feeling I get when I look to the west
And my spirit is crying for leaving
In my thoughts I have seen rings of smoke through the trees
And the voices of those who stand looking

Woe oh oh oh oh oh
And she's buying a stairway to heaven

And it's whispered that soon, if we all call the tune
Then the piper will lead us to reason
And a new day will dawn for those who stand long
And the forest will echo with laughter

And it makes me wonder

If there's a bustle in your hedgerow
Don't be alarmed now
It's just a spring clean for the May Queen

Yes there are two paths you can go by
but in the long run
There's still time to change the road you're on

Your head is humming and it won't go in case you don't know
The piper's calling you to join him
Dear lady can't you hear the wind blow and did you know
Your stairway lies on the whispering wind

And as we wind on down the road
Our shadows taller than our soul
There walks a lady we all know
Who shines white light and wants to show
How everything still turns to gold
And if you listen very hard
The tune will come to you at last
When all are one and one is all
To be a rock and not to roll
Woe oh oh oh oh oh
And she's buying a stairway to heaven

There's a lady who's sure all that glitters is gold
And she's buying a stairway to heaven
And when she gets there she knows if the stores are closed
With a word she can get what she came for

And she's buying a stairway to heaven, uh uh uh.

****** traduzione ******

La scala per il Paradiso

C'è una signora che è sicura che sia oro tutto quel che luccica
e sta comprando una scala per il paradiso
quando vi arriverà sa
che se tutti i negozi sono chiusi
con una parola può ottenere ciò per cui è venuta
e sta comprando una scala per il paradiso

c'è una scritta sul muro
ma lei vuole essere sicura
perchè, come tu sai, talvolta le parole hanno due significati
su un albero vicino al ruscello
c'è un uccello che canta
talvolta tutti i nostri pensieri sono sospetti
e questo mi stupisce
e questo mi stupisce

c'è una sensazione che provo
quando guardo a Ovest
e il mio spirito grida di andarsene
nei miei pensieri ho visto
anelli di fumo attraverso gli alberi
e le voci di coloro che stanno in piedi a osservare

oooh e questo mi stupisce
ooooh e questo mi stupisce davvero

e si mormora che presto
se tutti noi intoniamo la melodia
il pifferaio ci condurrà alla ragione
e albeggerà un nuovo giorno
per coloro che aspettavano da lungo tempo
e le foreste risponderanno con una risata

e questo mi stupisce

Se c'è trambusto nella tua siepe
non ti allarmare
è solo la pulizia di primavera per la festa di Maggio

si, ci sono due strade che puoi percorrere
ma a lungo andare
c'è sempre tempo per cambiare strada
e ciò mi stupisce

la tua testa ti ronza e il ronzio non se ne andrà
nel caso tu non lo sapessi
il pifferaio ti sta chiamando per unirti a lui
signora cara, può senitre il vento soffiare?
che la sua scala è costruita sul vento mormorante?

e scendiamo in strada
le nostre ombre più grandi delle nostre anime
là cammina una donna che noi tutti conosciamo
che risplende di luce bianca e vuole dimostrare
come qualsiasi cosa si tramuti in oro
e se ascolti molto attentamente
alla fine la melodia verrà da te
quando tutti sono uno e uno è tutti
per essere una roccia e per non rotolare via

Here I am ....

Preso dal calcio .... un sito e un blog calcistico da avviare .... il lavoro che è ripreso a ritmo ...insomma ...niente tempo per me e per le mie riflessioni o cazzate come dice qualcuno.
Sta arrivando l'autunno che è la mia stagione preferita .... è la stagione del ridimensionamento ...dopo l'estate dei bagordi e del divertimento l'autunno ci riporta alla realtà e lo fa prima di tutto con i colori ...
L'estate è la stagione dei colori intensi , del sole che schiarisce e illumina tutto ... del cielo terso e dei temporali rinfrescanti.
L'autunno mitiga tutto ...attenua tutto ....e ci prepara all'inverno.
Adoro anche l'odore dell'autunno ...
Un misto di nebbia e fieno .... soprattutto nelle ore del tardo pomeriggio , quando cala il sole e tutto si tinge di rosso-marrone...
Buon autunno ...anche se mancano ancora tre settimane al suo inizio

 
Pagina di Esempio Ciao.